Amici pelosi: il tetano nel cane e nel gatto

I cani e ancor di più i gatti, sono relativamente resistenti a questa malattia, se però la contraggono la loro vita è decisamente in pericolo.

Il tetano è provocato da un batterio anaerobio, il Clostridium tetani, che trova nel terreno il suo habitat ideale, ma lo si può reperire anche nella flora intestinale normale dei mammiferi.

Non è una malattia contagiosa, e ha una particolare predilezione per le ferite contaminate come: ustioni, fratture esposte, lacerazioni, congelamenti, abrasioni.
Le spore che vengono prodotte dal batterio si conservano per molto tempo nell’ambiente e quando una ferita viene colonizzata, esse producono una potente tossina, la tetanospasmina. I segni clinici possono comparire dopo alcuni giorni o settimane. La tossina riesce a risalire i nervi periferici fino a raggiungere il midollo spinale. 
A questo punto inizia un processo a cascata che determina il blocco dell’attività dei neuroni inibitori, con il risultato che i muscoli estensori non possono più rilassarsi. Il tetano può essere localizzato, manifestandosi con una leggera rigidità di alcuni muscoli o dell’arto da dove è partita l’infezione. Può comparire una rigidità degli arti posteriori e incoordinazione. Questa forma può risolversi spontaneamente oppure sfociare in quella generalizzata.
La sintomatologia ora comprenderà spasmi muscolari, coda ritta, respiro difficoltoso, orecchie erette, prolasso della terza palpebra, difficoltà nell’aprire la bocca, retrazione della commessura labiale che determina il “riso sardonico”, fino alla tetania progressiva dei muscoli con arti rigidi e divaricati, con la classica posizione a “cavalletto”. La morte sopraggiunge per asfissia provocata dalla paralisi dei muscoli respiratori. Diagnosi differenziali. Alcune intossicazioni possono simulare il tetano come: l’avvelenamento da stricnina, da piombo, da convulsivanti; anche meningiti e rabbia debbono essere prese in considerazione.

 Trattamento. Le ferite non medicate rappresentano una via di entrata delle spore quindi è essenziale pulirle con soluzione fisiologica e rimuovere tutti i tessuti necrotici. L’animale colpito da questa patologia verrà ricoverato e mantenuto in un ambiente buio e tranquillo per ridurre gli stimoli che possono scatenare gli spasmi. Le contrazioni muscolari possono essere tenute sotto controllo con dei sedativi inoculati per via endovenosa; le penicilline sembrano essere gli antibiotici di elezione contro il Clostridium tetani, ma nessun antibiotico riesce a inattivare l’effetto della tossina già legata ai nervi. La terapia antibiotica verrà comunque portata avanti per almeno due settimane. Contemporaneamente si faranno assumere liquidi per via endovenosa perché aiutano anche a rimuovere i sottoprodotti degli spasmi muscolari. L’inoculazione dell’immunoglobulina antitetanica umana o equina può essere di aiuto ma previo test intradermico per evitare reazioni da ipersensibilità che potrebbero complicare le già serie condizioni di salute del paziente. Il miglioramento, di norma, si osserva in una settimana. Un sintomo sfavorevole è la progressione veloce della sintomatologia.

Prevenzione: per prevenire le ferite cutanee sarà opportuno ripulire il cortile o il luogo dove vive il nostro amico a quattro zampe da fili di ferro, vetri ecc.
Ogni ferita dovrà essere detersa con acqua ossigenata e in tutti i casi di ferite profonde si consiglia di recarsi al più presto dal proprio veterinario di fiducia.  

Articolo di Diego Manca, Medico veterinario. 

Autore dei libri: "Le fiabe per...giocare con il corpo imitando gli animali" edito da Franco Angeli nel 2008 di cui è coautore, "Benedetti animali!" edito da Armenia editore nel 2010 e "Il camaleonte Argonte" edito da Armando editore sempre nel 2010.

 

Ritratto di Diego Manca Veterinario

Posted by Diego Manca Veterinario

Mi chiamo Diego Manca e sono un medico veterinario; vivo e svolgo la mia professione, da quasi 30 anni, ad Omegna (VB), piccolo paese del Cusio in Piemonte. Sono direttore sanitario e socio fondatore dell’ambulatorio veterinario lago d’Orta nel quale lavoro. Oltre alla grande passione per questa professione un’altra mi è molto cara e cioè quella di scrittore. I miei libri hanno ottenuto sempre significativi apprezzamenti di critica e i protagonisti delle storie che racconto sono i nostri amici pelosi, le vere star di tanti episodi realmente accaduti durante lo svolgimento della mia professione. Ecco qui di seguito una breve sintesi dei libri che ho pubblicato: Le fiabe per...giocare con il corpo imitando gli animali" edito da Franco Angeli nel 2008 di cui è coautore, "Il camaleonte Argonte" edito da Armando editore nel 2010, "Favolario: le favole del veterinario" Ed. Buk,  "Storie con la coda" edito da Castelvecchi, 2014, collana Ultra, La salute del cane in 4 e 4'otto e La salute del cane in 4 e 4'otto, editi da Gremese Editore, 2014, "Altro che animali!" edito da Castelvecchi Editore, 2015 e Benedetti Animali!  edito da Castelvecchi Editore, 2016, Storie da leccarsi i baffi - Gatti raccontati dal veterinario, edito da Ultra, 2017, >Manuale (semiserio) sull'educazione del cane, edito da Rizzoli, 2017.

La Newsletter di Mammeonline
mammeonlineLa community di Mammeonline

Cuciniamo: blog di ricette e racconti in cucina