4 strategie per recuperare facilmente un po’ di tempo per te stessa

Sei sempre a corto di tempo? Arrivi a sera esausta ma senza essere riuscita a fare quello che volevi, nonostante non ti sia fermata neanche un minuto? In realtà non sempre siamo consapevoli di tutte le dispersioni di tempo prezioso che si nascondono nelle nostre giornate.

Come recuperarlo? Prova queste semplici strategie. Possono fartelo riguadagnare facilmente, senza complicarti la vita.

4 strategie per recuperare facilmente un po’ di tempo per te stessa

 

● RIDUCI LE MICRO DECISIONI

Hai mai visto il film C’è posta per te? C’è una scena che cito spesso, in cui Tom Hanks dice che da Starbucks ci vogliono almeno 6 decisioni per prendere una semplice tazza di caffè.
Lungo o ristretto? Normale o decaffeinato? Con latte scremato o latte intero? Con dolcificante o senza zucchero? Con zucchero bianco o di canna? Con o senza panna? 

Dover scegliere tra una miriade di opzioni, anche solo per ordinare un semplice caffè, non solo non ci rende più felici ma ha addirittura un effetto paralizzante e ci fa perdere un mucchio di tempo su scelte di scarsa rilevanza. E più sono le opzioni, più tempo ci vorrà.

Quante volte ci siamo ritrovati la mattina davanti al nostro armadio perdendo un tempo infinito per arrivare a decidere come vestirci (… ed essere comunque insoddisfatte)? Quante volte ci abbiamo messo ore a scegliere quello che dovevamo mettere in valigia, per poi finire col portare via troppa roba proprio per non dover scegliere?

La cosa non è innocua e non solo per lo spreco di tempo. Il professore di psicologia Roy F. Baumeister, nel suo bestseller La forza di volontà, spiega che ogni giorno abbiamo a disposizione solo una quantità finita di forza di volontà che si esaurisce con l’uso, qualunque sia la decisione da prendere (dunque anche solo scegliendo che cosa metterci la mattina o quale yogurt comprare).

Più consumiamo la nostra forza di volontà, più la qualità delle nostre decisioni peggiora, quindi occorre impiegarla per quello che è realmente importante per noi e non in mille piccole decisioni di scarsa rilevanza.

Un esempio pratico di come farlo? Puoi ottenere enormi benefici anche soltanto riducendo il guardaroba a un numero più limitato di capi, versatili, facilmente abbinabili e che ti facciano sentire bene. Se non hai tempo di fare un vero e proprio decluttering del tuo armadio, basta che individui e isoli questi capi, in modo da poterli trovare facilmente ogni mattina.

Per guadagnare tempo: limita il più possibile le opzioni in modo da semplificare le scelte relative alle piccole decisioni di ogni giorno.

 

● EVITA IL “MULTITASKING”

Quante volte facciamo più cose contemporaneamente? Siamo convinti che questo ci faccia guadagnare tempo, ma in realtà non è così. Non solo la nostra concentrazione diminuisce, aumentando il rischio di commettere errori, ma impieghiamo anche più tempo a fare le cose.

Questo succede perché ogni volta che spostiamo la nostra attenzione, anche se velocemente, da un’attività all’altra, costringiamo il nostro cervello a ri-orientarsi. Ognuno di questi “passaggi” ha un costo di tempo e di energia, che cresce con l’aumentare della complessità di ciò che stiamo facendo.

Ti sembra impossibile? Prova a fare questo semplice esercizio suggerito dall’economista e coach Caroline Webb:

● cronometra quanto ci metti a dire A-B-C-D-E-F-G e poi subito in sequenza 1-2-3-4-5-6-7

● combina mentalmente le due stringhe e cronometra quanto ci metti a dire A-1-B-2-C-3-D-4-E-5-F-6-G-7

Hai notato quanto tempo e sforzo mentale aggiuntivi ti ha richiesto il passare più volte da una stringa all’altra?

Per guadagnare tempo: svolgi un compito alla volta, dedicando la tua attenzione esclusivamente a quella singola attività. Farai le cose meglio e più rapidamente.

 

● FAI “BATCHING”

Se ti si sbriciolano le giornate e ti capita di arrivare a sera con la sensazione di essere stata più occupata che produttiva, c’è una tecnica di gestione del tempo che può aiutarti molto: si chiama “batching” e consiste nel raggruppare attività identiche o simili, da svolgere tutte in un determinato blocco di tempo. La durata non è fissa, la stabilisci tu in base alle tue esigenze: può essere solo di mezz’ora o addirittura di una giornata, se necessario. La cosa essenziale è raggruppare.

Il batching può farti risparmiare ore perché elimina lo spreco di tempo che si genera passando da un’attività all’altra (lo abbiamo appena visto, parlando del multitasking) e riduce al minimo i costi di “avviamento” di qualunque compito.

Quali sono i costi di avviamento? Quelli che ogni attività richiede per essere svolta. Qualunque cosa tu decida di fare ha costi di “setup”: anche solo lavorare al computer richiede che tu accenda il pc, che tu apra i programmi e i file che ti servono, ecc. Visto che attività simili richiedono risorse simili, se fai batching hai un solo avviamento da compiere all’inizio del blocco di tempo.

Puoi applicare il batching praticamente a tutto. Ad esempio, puoi raggruppare le tue attività amministrative e dedicare del tempo in uno specifico giorno della settimana allo smaltimento di pagamenti, fatture, pratiche varie. Oppure puoi smaltire tutte le tue email solo in determinati momenti della giornata (magari dalle 9,30 alle 10 e dalle 14,30 alle 15), invece di controllare la posta ogni dieci minuti. O ancora, e magari già lo fai, puoi cucinare più pasti insieme e poi surgelarli, così non devi pensarci ogni sera.

In altre parole, fare batching è come fare un bucato a pieno carico: è uno spreco di acqua, energia e detersivo fare una lavatrice solo per pochi capi. Raggruppare la roba per fare un’unica macchinata piena ti consente di ottimizzarne l’uso. Vale lo stesso per il tuo tempo, che è preziosissimo!

Per guadagnare tempo: comincia a pensare in termini di batching. Quali sono le attività che potresti raggruppare?

 

● SFRUTTA I TEMPI D’ATTESA

Nelle nostre pienissime giornate ci sono comunque dei tempi d’attesa, più o meno lunghi, che non dipendono da noi (sui mezzi o aspettando i mezzi, in sala d’attesa, in coda in banca o alla posta, ecc.). Di solito non li sfruttiamo e cerchiamo semplicemente di farli passare in qualche modo, magari dando un’occhiata alle notifiche dei social.

Questo è tutto tempo che usualmente buttiamo via. Se le circostanze non ti consentono di utilizzarlo per riposarti un po’, puoi comunque sfruttarlo e fare in modo che ti porti un beneficio.

Tutti abbiamo delle attività da 10 minuti che non troviamo mai il tempo di svolgere, come fare una telefonata per fissare una visita di controllo o chiamare qualcuno a cui teniamo ma che non sentiamo da tempo, leggere gli articoli di una fonte che ci interessa o il capitolo di un libro (anche solo ascoltandolo in audiolibro), oppure seguire la lezione di un corso online per imparare meglio l’inglese.

Fai una lista delle piccole cose che richiedono 5-10 minuti e svolgine almeno una quando ti ritrovi in una situazione d’attesa o di passaggio. Così potrai portare a termine cose che normalmente non riesci a fare, senza sottrarre tempo ad altre attività.

Per guadagnare tempo: metti a fuoco tutte le tue attività da 5-10 minuti, in modo da averle già in mente quando ti ritroverai con dei tempi d’attesa da far passare.

 

Questi sono solo alcuni accorgimenti che puoi iniziare ad applicare da subito. Non richiedono sforzi eccessivi e ti consentono di guadagnare ore che potrai dedicare a qualcosa che ti piace davvero o anche, semplicemente, a riposarti.

 

Fotografia di Eloisa Ghilardotti

Mi chiamo Eloisa Ghilardotti e sono una Career & Personal Coach. Vivo e lavoro a Milano, dove sono nata. Prima di diventare coach sono stata dirigente d’azienda, lavorando per più di 20 anni in ambito editoriale. 
Ho letto per caso il mio primo libro di crescita personale a 23 anni, mi sono appassionata e non ho più smesso.
Ora ne scrivo, in un blog in cui parlo anche di come gestire al meglio il proprio tempo e di come semplificarsi la vita.

https://www.eloisaghilardotti.it/

Ritratto di Redazione

Posted by Redazione

La Newsletter di Mammeonline
mammeonlineLa community di Mammeonline

Cuciniamo: blog di ricette e racconti in cucina